Fisioterapia e Riabilitazione

Il centro per la Fisioterapia.

La FISIOTERAPIA è una branca della medicina che si occupa della prevenzione, cura e riabilitazione dei pazienti affetti da patologie o disfunzioni congenite o acquisite in ambito muscoloscheletrico, neurologico e viscerale attraverso molteplici interventi terapeutici, quali: TERAPIA FISICA, TERAPIA MANUALE/ MANIPOLATIVA, MASSOTERAPIA, TERAPIA POSTURALE, CHINESITERAPIA e altre. 

E’ praticata da un laureato in fisioterapia appartenente alla classe delle professioni sanitarie della riabilitazione.

Con questo termine si intende l’ utilizzo e la somministrazione di energie fisiche (presenti o riproducibili nel mondo fisico) a scopo terapeutico. 

La tecarterapia, in cui si utilizza la energia termica, viene utilizzata soprattutto nelle tendinopatie croniche, negli infortuni muscolari funzionali, nelle artropatie degenerative, negli edemi post-traumatici, nei linfedemi, nelle rigidità articolari.

La ultrasuonoterapia sfrutta l’energia meccanica delle onde sonore e si utilizza nei casi di tendinopatie, lesioni muscolari strutturali, edemi post-traumatici, linfedemi, cellulite, fibrosi , rigidità articolari.

Le onde d’urto sfruttano l’energia meccanica delle onde sonore e vengono utilizzate nelle tendinopatie croniche, nei ritardi di consolidazioni nelle fratture, nella algodistrofia, nella cellulite, nella fibrosi.

La laserterapia impiega radiazioni luminose che producono nei tessuti effetti fototermici , fotomeccanici e fotochimici si usa nelle tendinopatie, negli infortuni muscolari, artropatie degenerative, negli edemi post-traumatici.

La elettroterapia antalgica, la tens e la elettroterapia di stimolazione a bassa frequenza utilizzano la energia elettrica per ridurre la sensazione del dolore neuropatico soprattutto periferico, per stimolare tessuti a scopo trofico in svariate situazioni sia patologiche (amiotrofia e paralisi) che non patologiche quali il rinforzo muscolare.

La ionoforesi utilizza anch’essa l’energia elettrica ma per veicolare farmaci ionizzati attraverso la cute.

La magnetoterapia utilizza onde elettromagnetiche a bassa frequenza che interagiscono particolarmente con i tessuti profondi dell’apparato muscolo-scheletrico dove inducono deboli potenziali elettrici che vengono sfruttati terapeuticamente nel ritardo di consolidazione e nelle pseudoartrosi delle fratture ossee.
La radiazione infrarossa sfrutta anch’essa, come la tecarterapia, l’energia elettrica e viene soprattutto utilizzata nelle artropatie degenerative.

Le tecniche manuali consistono in una grande serie di interventi passivi dove il fisioterapista utilizza le sue mani per gestire movimenti precisi volti a modulare il dolore, aumentare il range di movimenti articolari, ridurre o eliminare l’edema del tessuto connettivo, indurre il rilassamento, migliorare l’estensibilità del tessuto contrattile e non contrattile e migliorare la funzionalità polmonare.

La terapia manuale, per essere efficace, necessita dell’esercizio terapeutico, il cui obiettivo principale è quello di mantenere e addirittura aumentare i benefici ottenuti con la Terapia Manuale durante il trattamento. Questi programmi di esercizio devono essere specifici, personalizzati e mirati a facilitare il movimento e ridurre o eliminare i sintomi. Sono di tipi differenti, e tra questi troviamo automobilizzazioni articolari (che cercano di riprodurre ciò che il fisioterapista fa nella pratica clinica), esercizi di forza (con i loro diversi tipi) o i classici esercizi per lo stiramento dei muscoli.

Consiste in una serie di movimenti eseguiti dalle mani del terapeuta sulla superficie corporea del paziente. In altre parole, è la manipolazione dei tessuti molli il cui scopo principale è quello di alleviare il disagio in diverse parti del corpo, causato da vari fattori come traumi, cattiva postura e stress, tra gli altri.

Gli effetti positivi generali dell’applicazione del massaggio sono:

  • Riscaldare, stimolare e sviluppare la muscolatura
  • Stimolare o calmare il sistema nervoso (effetto analgesico)
  • Rilassare i muscoli
  • Migliorare le aderenze, rendere i tessuti più flessibili
  • Migliorare la circolazione, eliminando le tossine
  • Migliorare il benessere psicologico

Il massaggio può agire su:

  • Malattie dell’apparato locomotore
  • Malattie reumatiche (eccetto le fasi acute)
  • Malattie neurologiche: periferiche (paralisi, disturbi trofici, spasticità) e centrali (stress, insonnia, alterazioni psichiche, esaurimento)

C’è una grande varietà di massaggi che possono essere derivati l’uno dall’altro o fondersi insieme, dando origine a massaggi come il cinese, lo shiatsu, il thai, il giapponese, la riflessologia plantare, lo sportivo, l’infantile, e molti altri.

La Rieducazione Posturale, meglio nota come Ginnastica Posturale, è una metodica specifica che consta di una serie di esercizi atti a riequilibrare le tensioni muscolo-legamentose del corpo.

Non è una ginnastica come si intende quella per le palestre. Ci sono molte tecniche diverse di terapia posturale (Mezières,Souchard, ecc.) ma tutte hanno caratteristiche comuni: cominciano con un esame posturale e si basano principalmente su esercizi respiratori e movimenti passivi abbinati ad esercizi attivi delle articolazioni.

Il concetto principe di queste tecniche è quello di ridonare elasticità a tutte quelle strutture che partecipano al mantenimento di posture ottimali e che, a causa di patologie o vizi di posizione, hanno perso o modificato la loro funzione.
E’ indicata in tutti i casi in cui il nostro corpo ci invia messaggi silenziosi (da non trascurare), che qualcosa sta cambiando.

La kinesiterapia è una particolare terapia manipolativa usata in fisioterapia che si prefigge la riabilitazione e la rieducazione funzionale di singoli muscoli o gruppi muscolari o dell’intero organismo.

La Kinesiterapia si divide in

  • Kinesiterapia passiva: in questo caso il terapista esercita sul paziente, che resterà passivo, tecniche particolari al fine di gestire in modo appropriato il movimento della parte del corpo da trattare.
  • Kinesiterapia attiva: in questo caso, invece, è lo stesso paziente che agisce in modo attivo sotto la direzione e la supervisione del terapista che gli farà eseguire gli esercizi più idonei.

Durante la seduta di Kinesiterapia attiva sarà possibile usare elastici, palloni, bastoni, tappetini, ecc per facilitare o rendere più difficoltoso il movimento a seconda dello scopo.

E’ una terapia indicata nei casi di necessità di recupero muscolare ed articolare e non ci sono controindicazioni.

Il centro per la Riabilitazione.

Per RIABILITAZIONE si intende quell’insieme di metodi che favoriscono il recupero di funzioni motorie perdute evitando, così, il verificarsi di complicazioni secondarie.

Si distinguono una riabilitazione NEUROMOTORIA, funzionale al recupero dei pazienti con disabilità motorie per patologie neurologiche (ictus, sclerosi multipla, morbo di Parkinson ecc.) ed una riabilitazione MOTORIA, funzionale, invece, al recupero dei pazienti con disabilità motorie per patologie ortopedico-traumatologiche soprattutto in fase post-chirurgica (protesi di anca, ginocchio, spalla) o reumatologiche importanti con effetti di gravi disabilità (artrite reumatoide ecc.).

Il principale obiettivo della riabilitazione risulta, pertanto, quello di ristabilire nel soggetto una condizione di salute, definita dall’Organizzazione Mondiale della Sanità come “uno stato di completo benessere, fisico, psichico e sociale e non solo semplice assenza di malattia”.

Il centro per l'Osteopatia.

L’Osteopatia, inserita dalla OMS ( Organizzazione Mondiale della Sanità) tra le medicine tradizionali e complementari, è un sistema consolidato di assistenza alla salute che si basa sul contatto manuale per la valutazione, la diagnosi ed il trattamento di diverse patologie.

Si tratta di una forma di assistenza incentrata sulla salute della persona piuttosto che sulla malattia; si avvale di un approccio causale e non sintomatico (spesso infatti la causa del dolore trova la sua locazione lontano dalla zona dolorosa), ricercando le alterazioni funzionali del corpo che portano al manifestarsi di segni e sintomi che possono poi sfociare in dolori di vario genere.

I principi su cui si basa la Osteopatia sono:  

  • L’unità del corpo: L’individuo è visto nella sua globalità come un sistema composto da muscoli, strutture scheletriche ed organi interni che trovano il loro collegamento nei centri nervosi della colonna vertebrale. Ogni parte costituente la persona (psiche inclusa) e l’ambiente in cui essa vive è dipendente dalle altre e il corretto funzionamento di ognuna assicura quello dell’intera struttura: dunque, il benessere.
  • Relazione tra struttura e funzione: “la struttura governa la funzione”. La perfezione di ogni funzione è legata alla perfezione della struttura portante; se tale equilibrio è alterato ci si trova di fronte ad una disfunzione osteopatica, caratterizzata da una zona corporea in cui è andata persa la corretta mobilità. L’organismo reagirà a tale disequilibrio creando delle zone di compenso e di adattamenti corporei non favorevoli al benessere generale dell’organismo
  • Autoguarigine: In Osteopatia non è il terapeuta che guarisce, ma il suo ruolo è quello di eliminare gli “ostacoli” alle vie di comunicazione del corpo al fine di permettere all’organismo, sfruttando i propri fenomeni di autoregolazione, di raggiungere la guarigione. L’Osteopatia mira a ristabilire l’armonia della struttura scheletrica di sostegno al fine di permettere all’organismo di poter trovare un proprio equilibrio ed un proprio benessere.

L’Osteopatia si occupa principalmente dei problemi strutturali e meccanici di tipo muscolo-scheletrico a cui possono però associarsi delle alterazioni funzionali degli organi e visceri e del sistema cranio sacrale. Poiché in Osteopatia si ha una visione olistica del corpo umano, è valida anche l’idea contraria: un problema funzionale organico-viscerale può provocare dei dolori di tipo muscolo-scheletrico.

L’Osteopatia, grazie proprio ai principi su cui si basa, interviene su persone di tutte le età, dal neonato all’anziano, alla donna in gravidanza.

Si rivela efficace in diversi disturbi che spesso affliggono l’individuo impedendogli di poter condurre una vita serena, disturbi come: cervicalgie, lombalgie, sciatalgie, artrosi, discopatie, cefalee, dolori articolari e muscolari da traumi, alterazioni dell’equilibrio, nevralgie, stanchezza cronica, affezioni congestizie come otiti, sinusiti, disturbi ginecologici e digestivi.

L’Osteopatia è indicata anche nelle persone sane, specialmente negli sportivi, dove è utilissima per migliorare le performance.

Lo Staff per la Fisioterapia e la Riabilitazione.

Simona Izzo

Fisiatra

Fisiatra

Silvia Bissol

Fisioterapista

Fisioterapista

Matteo Alberini

Fisioterapista

Fisioterapista

Serena Bernabei

Fisioterapista

Fisioterapista

Antonella Romiti

Fisioterapista

Fisioterapista

Richiedi informazioni.

Tutti i professionisti che lavorano all’interno di Fisiolab conoscono bene quali siano le esigenze sanitarie della popolazione residente e quotidianamente si impegnano in attività socialmente utili, con l’unico scopo di migliorare la qualità della vita delle persone.

I Centri FISIOLAB vicini a te.

I nostri centri sono disposti nella regione Lazio: siamo presenti a Torrimpietra, Aranova e Fregene.

Torrimpietra (Fiumicino, RM)

Aranova (Fiumicino, RM)

Fregene (Fiumicino, RM)